venerdì 27 novembre 2015

C'era una volta il Totocalcio...

(Locandina film "Al bar dello sport", collezione privata Vincenzo Suma)


 
(Schedina del 27 - 9 - 1981, collezione privata Vincenzo Suma)
 
 
 
 
C’era una volta il Totocalcio
 
 
Un tempo il 13 al Totocalcio era il sogno ambito da tutti. Nell’immaginario collettivo la vincita miliardaria al Totocalcio era il mezzo utile per risolvere tutti i problemi economici. Il gioco della schedina prevedeva un vero e proprio procedimento, quasi “scientifico”. Durante la settimana si studiavano i pronostici. Si consultava la classifica del campionato e si elaborava il sistema migliore per fare tredici. Le combinazioni erano davvero tante. Ricordo il sistema con 7 doppie ridotte, quello con 3 triple oppure, il sistema con 5 doppie integrali. Il gioco del Totocalcio si chiudeva alle 20.00 del sabato sera. Tutte le partite si giocavano la domenica pomeriggio alle 15.00 e si seguivano alla radio. Attraverso le voci inconfondibili di Beppe Viola, Sandro Ciotti, Enrico Ameri (i radiocronisti della trasmissione radiofonica “ Tutto il calcio minuto per minuto”), gli aspiranti vincitori seguivano i risultati delle partite di calcio. In quei 90 minuti si sperava, si sognava e in casi estremi si cercava di attirare la fortuna (o allontanare la sfortuna)  con alcuni gesti scaramantici, proprio come Lino (Lino Banfi) nel film “Al bar dello sport”.  In quegli anni  il gioco del calcio era meno spettacolare rispetto a quello attuale, ma era un calcio “poetico”. Esistevano le bandiere, ovvero i calciatori (fedelissimi) attaccati ai colori della propria squadra. Tutti conoscevano le formazioni calcistiche a memoria. Oggi questo mondo è completamente scomparso. Il calcio è diventato solo business, basti pensare al calciomercato milionario delle varie società sportive. Il gioco è dominato dalle scommesse online. Si può scommettere in ogni istante e si possono scegliere gli avvenimenti sportivi desiderati.

Il campionato di calcio, invece, è stato frammentato in tante partite giocate nel corso della settimana. Infatti, si gioca il venerdì, il sabato pomeriggio, la domenica a mezzogiorno, la domenica sera e il lunedì. Tutto il sistema sportivo viene dominato dalle esigenze economiche delle televisioni private e dal mondo delle scommesse. Fino ad alcuni anni fa le uniche partite trasmesse in tv erano la differita a sorpresa (solo un tempo) del campionato di serie A e la partita della Coppa dei Campioni il mercoledì sera. Ora, invece, ci sono canali televisivi che trasmettono avvenimenti sportivi in ogni istante della giornata. Tutta questa “abbondanza” ha contribuito a smantellare un mondo mitico fatto di piccole certezze e di grandi emozioni.
 
(Schedina del 30 - 1 - 1983, collezione privata Vincenzo Suma)
 
                       "Tutto il calcio minuto per minuto"

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

 

Nessun commento:

Posta un commento