lunedì 19 febbraio 2018

Michele Laveneziana



L'Amarcord di oggi è dedicato all'amico Michele Laveneziana (23/05/1950 - 22 - 02 - 2014). Sicuramente tutti ricorderemo Michele Laveneziana, il suo sorriso, la sua cordialità e in particolare la sua disponibilità verso il prossimo. Michele è stato un punto di riferimento importante per la comunità cittadina. Nel corso della sua vita ha svolto diversi incarichi. Ha lavorato in comune dal 1970 al 2010; è stato responsabile dell'ufficio servizi demografici (stato civile, anagrafe, servizio elettorale). Inoltre, Michele è stato impegnato anche nella comunità parrocchiale di San Rocco e nella Diocesi di Oria. E' stato presidente dell'Azione Cattolica parrocchiale dal 1989 al 1998 e dal 2004 al 2010. Dal 1995 al 2001, invece, è stato Vice Presidente diocesano. Non possiamo, poi non ricordare la sua collaborazione con il grande Don Michele Pastore, parroco di San Rocco per ben tre decenni. Restano memorabili i festival folkloristici organizzati da Don Michele e presentati da Michele Laveneziana. 




















domenica 11 febbraio 2018

Don Giovanni Turrisi: sacerdote umile, pastore premuroso, araldo del vangelo!



"Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede"

Voglio dedicare un Amarcord particolare alla figura di Don Giovanni Turrisi, fondatore della parrocchia di San Lorenzo da Brindisi a Ceglie Messapica, scomparso oggi all'età di 78 anni. Lo voglio ricordare con il messaggio che Don Giovanni rilasciò al mio blog in occasione del trentesimo anniversario della parrocchia di San Lorenzo.


"Non è difficile immaginare che per me, parroco – fondatore della parrocchia di “San Lorenzo da Brindisi”, è motivo di particolare gioia partecipare a un momento significativo per la vita della nostra comunità quale è il 30° anniversario della sua fondazione.
Il mio pensiero va, anzitutto, a quanti hanno collaborato nei primissimi momenti di vita della parrocchia: momenti difficili che con l’aiuto del Signore e con quello di questi pionieri siamo riusciti a superare. A quanti, in questo lungo periodo di tempo (30 anni appunto), hanno speso le loro migliori energie nel mettere in pratica le varie esigenze e attività pastorali che quasi sempre prevedevano impegni costanti sia di preparazione che di tempo. E poi che dire di tutta la comunità nel suo insieme che con la sua ineguagliabile generosità ha permesso a questa parrocchia di essere quella che oggi ammiriamo: voglio dire a tutti che due terzi della spesa complessiva della costruzione (spesa notevole) è stato frutto di sacrifici e, molto spesso, di rinunce da parte dei nostri bravi fedeli. A mia conoscenza (e lo affermo con certezza) non esiste, almeno nella nostra diocesi di Oria, nessun altra comunità che abbia contribuito in proporzioni così massicce alla costruzione della propria parrocchia (chiesa e opere parrocchiali).
Infine, per tutto questo e per tanto altro, sento anzitutto il dovere di lodare e ringraziare l’Autore di ogni bene, il Signore Gesù, alla cui infinita bontà anche questa comunità deve sia l’esistenza che l’attività".

Mons. Giovanni Turrisi






lunedì 29 gennaio 2018

"Coppa scarabocchio" (Don Guanella anni '80)

(Coppa scarabocchio, anni '80, foto Carlo Palmisano)

L'Amarcord di oggi è dedicato alla "Coppa scarabocchio", uno dei tanti tornei di calcio che si disputavano presso il campetto di Don Guanella. Nella foto vediamo in piedi da sinistra:
Egidio Amico, Pietro Gallone, Marcello Esile, Suma (?);
accosciati da sinistra: Carlo Palmisano, Gaetano Ciracì, Angelo Gasparro, Giuseppe Bellanova.

Ringrazio Carlo Palmisano per la gentile concessione della foto. 

Potete inviare le foto della vostra squadra all'indirizzo email amarcordceglie@libero.it

sabato 27 gennaio 2018

"Ci cussu qqua jete n'omme" (Se questo è un uomo) Traduzione di Pietro Gatti

" Ci cussu qqua jete n'omme", traduzione di Pietro Gatti


"Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo"





Ci cussu qqua jete n'omme                                                                Se questo è un uomo

Vu ca vivite seqqure                                                                             Voi che vivete sicuri
jind'a lle casere vuste càte                                                                  nelle vostre tiepide case,
vu ca jacchijaite turnanne a sere                                                        voi che trovate tornando a sera              u mangià càte i ffacce d'amisce:                                                         il cibo caldo e visi amici:
cunzeterate ci cussu qqua jete n'omme                                             considerate se questo è un uomo
ca fatije jind' à lote                                                                               che lavora nel fango
ca nange canossce pasce                                                                   che non conosce pace                       
ca se vatte pe nnu mienzu panette de pane                                      che lotta per un pezzo di pane
ca more pe nnu sine e pe nnu none.                                                  che muore per un sì o per un no.
Cunzeterate ci quessa qqua jete na fèmene,                                    Considerate se questa è una donna,
senze cchiju capidde i ssenze nu nome                                            senza capelli e senza nome
senze cchijù a forze cu ss'arrecorde                                                  senza più forza di ricordare
le uecchije abbacande i a nature aggelate                                         vuoti gli occhi e freddo il grembo
com'a nnu maraùettele u vierne.                                                         come una rana d'inverno.
Metetate ca d'accussì i state:                                                              Meditate che questo è stato:
ji ve cumanne quisse palore.                                                               vi comando queste parole.
Scarpeditatevele jind ò coru vuste                                                     Scolpitele nel vostro cuore
stanne jinda case scenne p'à strate                                                   stando in casa andando per via,
curcànneve jasànneve                                                                         coricandovi alzandovi;
rebbetìtele a lle file vuste.                                                                    ripetetele ai vostri figli.
O cu ve scòffele case,                                                                          O vi si sfaccia la casa,
cu vve degghje ciungà na malatie,                                                     la malattia vi impedisca,
le criature vuste cu ttòrcene a facce da vu.                                       i vostri nati torcano il viso da voi.

Traduzione di Pietro Gatti poeta.                                                        Primo Levi 

lunedì 22 gennaio 2018

Tornei di calcio di don Guanella: la mitica squadra del "Bar Pineta" (estate 1988)

(Sqaudra del Bar Pineta, foto Giovanni Grassi)


Il presente post è dedicato alla memoria di Giuseppe Santacroce e Costantino Rodio

L'Amarcord di oggi è dedicato alla mitica squadra del "Bar Pineta". Nell'immaginario collettivo, la squadra del Bar Pineta, viene ricordata come una squadra imbattibile. Nella foto vediamo in piedi da sinistra:
Tonino Gallone, Mario Leo, Giovanni Monaco, Giuseppe Santacroce, Domenico Nisi, Mariano Tarì, Giovanni Grassi, Riccardo Palma, Goffredo Ciciriello, Andrea, Tonino Marseglia; Accosciati da sinistra: Vito, Franco Settembrini, Enzo Sgura, Giovanni Giordano, Costantino Rodio, Franco Sponzelli.

Ringrazio l'amico Giovanni Grassi per la gentile concessione della foto. 

Potete inviare le foto della vostra squadra all'indirizzo email amarcordceglie@libero.it

venerdì 19 gennaio 2018

Pietro Gatti: "una grande risorsa culturale da (ri)scoprire"


L'Amarcord di oggi è dedicato a Pietro Gatti (19 gennaio 1913 - 27 luglio 2001 ) poeta  cegliese. Con la poesia Pietro Gatti ha cantato la bellezza della sua Terra. Attraverso la grande forza espressiva del dialetto cegliese, il poeta ci ha restituito un universo poetico caratterizzato da cose semplici e da figure umili. La poesia di Pietro Gatti ci fa conoscere mondi nascosti, luoghi dimenticati, uomini e cose relegate nel dimenticatoio della memoria. L'opera poetica del poeta cegliese mette in evidenza anche gli aspetti "aspri e duri" della sua Terra. E' un rapporto d'amore intenso, un rapporto spesso caratterizzato da profondi contrasti. 
La poesia di Gatti rappresenta una grande risorsa culturale per la comunità cegliese. Racchiude un'immensa ricchezza, non solo espressiva e poetica ma, anche emotiva. 


Ascolta Pietro Gatti "A terra meje"




Casa meje ete pròpie ca ccumenze



Nu vecchju diarie d'amore


martedì 16 gennaio 2018

I "mitici" tornei di calcio di Don Guanella: la squadra del bar pizzeria "Isolabella" (1988 - 1989)

(Squadra Bar pizzeria "Isolabella", foto Giuseppe Tanzarella)


Ritorniamo a parlare dei mitici tornei di Don Guanella. L'Amarcord di oggi è dedicato alla squadra Bar pizzeria "Isolabella". La foto è relativa al campionato 1998/99. Nella foto vediamo in piedi da sinistra:
C.NISI,P.MIGLIETTA,G.TANZARELLA,M.VITALE,A.URSO,M.RODIO,G.DELLISANTI,G.DE FAZIO;
accosciati da sinistra:C.CHIARELLI,A.VITALE,C.NIGRO, N.MIGLIETTA ,P.GIOIA,P.SANTORO.

Ringrazio l'amico Giuseppe Tanzarella per la gentile concessione della foto.

Potete inviare le foto della vostra squadra all'indirizzo email amarcordceglie@libero.it